Giudizio di idoneità di mansione specifica - Riferimenti legislativi

idoneità completa
Visite mediche

T.U. 81/08 art. 41

A seguito degli accertamenti sanitari, ai quali il lavoratore non si può sottrarre, il Medico Competente rilascia un giudizio d’idoneità alla mansione specifica, che può presentare quattro esiti:
  1. idoneità completa, quando non compaiono elementi che limitino in alcun modo l’assegnazione alla mansione;
  2. idoneità parziale, temporanea o permanente, quando il soggetto presenta problemi in relazione all’attività lavorativa e deve essere maggiormente tutelato attraverso delle specifiche misure (prescrizioni o limitazioni) che il Medico Competente indica e la cui realizzazione è a carico del Datore di lavoro;
  3. inidoneità temporanea, quando il soggetto temporaneamente non può svolgere quella data attività, a causa di una diversa, ma transitoria, condizione psicofisica (per esempio potrebbe essere il caso di una lavoratrice gestante);
  4. inidoneità permanente, quando si può accertare che, a causa di un danno conclamato e non recuperabile, la condizione di salute del soggetto sia ormai incompatibile con l’attività che svolge e richieda perciò l’allontanamento dall’attività stessa. In quest’ultimo caso la legge prevede che il Datore di lavoro, ove possibile, assegni il lavoratore a una nuova mansione esistente nell’ambito aziendale (anche di livello inferiore, ma con conservazione della retribuzione originaria) che sia compatibile col suo stato di salute.

 

Share by: